“L’apprendista di Goya” di Sara di Furia
L’apprendista di Goya di Sara di Furia
L’apprendista di Goya di Sara di Furia

L’apprendista di Goya di Sara di Furia edito La Corte Editore è un giallo avvincente, ricco di suspense in cui arte, mistero e corruzione si mescolano alla perfezione sullo sfondo di una splendida Madrid di fine ‘700.

Manuèl Alvèra, il protagonista e la voce narrante di questa storia, viene assunto come apprendista dal famosissimo Goya mentre la città spagnola è in subbuglio in seguito al ritrovamento di diversi cadaveri di noti artisti. Lavorando a stretto contatto col celebre pittore, il ragazzo si accorge di come la sua genialità sia strettamente legata alla pazzia:

“Goya non apparteneva del tutto a questo mondo. Anche se ero al suo servizio da solo un giorno, avevo intravisto i segni della sua pazzia che sembrava sorprenderlo in modo indiscriminato”.

Secondo la citazione di John Dryden che si trova nella prima pagina: “Alla follia è affine il genio; solo una sottile parete li divide”.

Mi ha sempre affascinata questa tematica e in questo romanzo Sara Di Furia è molto abile nell’utilizzarla per creare una vicenda cruenta e coinvolgente. Il giovane apprendista è spaventato e al contempo affascinato dal fervore artistico in cui si trova a lavorare. Da una parte vuole imparare i segreti del suo mentore e dall’altra si rende conto di quanto l’Inquisizione sia una minaccia per la libertà di espressione.

“È negli abissi in cui sprofondiamo che troviamo ispirazione per la nostra arte”.

Manuel è disposto a tutto per pur di scoprire il segreto che gli permetterebbe di raggiungere sfumature di colore mai viste prima, ma a che prezzo? Bugie, pazzie, compromessi e falsità lo porteranno a mettere in discussione tutta la sua vita e ad avere il sospetto che il suo stesso maestro sia coinvolto negli omicidi.

Un bel libro e una scrittura snella e scorrevole che mi hanno reso partecipe del mistero e sorpresa più volte per i cambi di scena e le ottime trovate dell’autrice per condurmi ad un finale inaspettato.

Lascia un commento